News

31/03/2021 - Commissione e sede del concorso per cancelliere esperto incardinata presso la Corte di Appello di Salerno

Concorso pubblico per 2.700 posti per il profilo di Cancelliere esperto, Area funzionale II, Fascia economica F3, nei ruoli del personale del Ministero della giustizia - AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA

LE PROVE DI ESAME SI SVOLGERANNO PRESSO

LA BIBLIOTECA DELLA CORTE DI APPELLO DI SALERNO

 SITUATA AL PRIMO PIANO DELLA PALAZZINA “A”

 CON INGRESSO DA PIAZZA DALMAZIA

CCF_000084

25/03/2021 - Protocollo d'intesa tra Corte di Appello, la Procura della Repubblica e UNEP Salerno

Protocollo d'intesa tra Corte di Appello, la Procura della Repubblica e UNEP Salerno

Protocollo d'intesa CASA, PRSA e UNEPSA

26/02/2021 - Graduatoria definitiva di direttore nel distretto di Catanzaro sede di esame Corte di Appello di Salerno

Concorso pubblico, per titoli ed esami, su base distrettuale, di 400 direttori A3F3, nei ruoli del personale del Ministero della Giustizia-Amministrazione giudiziaria-Verbale di chiusura.

Verbale di chiusura del 26.02.2021

25/02/2021 - Si avvisa che nell'area dedicata all'Ufficio Elettorale vi sono importanti novità relative alla funzione di Presidente di Seggio.

Nella sezione dedicata, FAQ, sono presenti i collegamenti ipertestuali per accedere alle informazione necessarie per esercitare la funzione di Presidente di Seggio Elettorale.

11/02/2021 - Graduatoria definitiva-Direttori Corte di Appello di Catanzaro

Graduatoria definitiva-Idonei e non-DIRETTORI-AVVISO di selezione 17 novembre 2020-Codice CZ-Distretto della Corte di Appello di Catanzaro-10 febbraio 2021

GRADUATORIA DEFINITIVA
ELENCO NON IDONEI

News dallo spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia -
a cura dell'Osservatorio www.slsg.unisa.it

02/04/2021 - Sentenza della Corte di giustizia del 10 marzo 2021 - MAE - pubblico ministero

La Corte precisa che l’art. 8, par. 1, lett. c), della decisione quadro 2002/584/GAI relativa al mandato d’arresto europeo e alle procedure di consegna tra Stati membri, come modificata dalla decisione quadro 2009/299/GAI, letto alla luce dell’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e della giurisprudenza della Corte, deve essere interpretato nel senso che i requisiti inerenti alla tutela giurisdizionale effettiva di cui deve beneficiare una persona oggetto di un mandato d’arresto europeo finalizzato all’esercizio di un’azione penale non sono soddisfatti qualora tanto il MAE  quanto la decisione giudiziaria sulla quale esso si innesta siano emessi da un pubblico ministero qualificabile come «autorità giudiziaria emittente» ai sensi dell’art. 6, par. 1, di tale decisione quadro, ma non possano essere oggetto di un controllo giurisdizionale nello Stato membro emittente prima della consegna della persona ricercata ad opera dello Stato membro di esecuzione.

Testo integrale della sentenza

02/04/2021 - Sentenza della Corte di giustizia del 25 marzo 2021 - minori - residenza abituale in Stato terzo

L’articolo 10 del regolamento (CE) n. 2201/2003 non è applicabile a una situazione in cui il minore ha, al momento della presentazione di una domanda relativa alla responsabilità genitoriale, acquisito la sua residenza abituale in un terzo Stato in seguito al trasferimento. In tale situazione, la competenza giurisdizionale dovrà essere determinata conformemente alle Convenzioni internazionali applicabili o, in mancanza, ai sensi dell'articolo 14 del regolamento.

Testo integrale della sentenza

02/04/2021 - Sentenza della Corte di giustizia dell'11 marzo 2021 - rimpatri - minori

Gli Stati membri devono tenere in debita considerazione l’interesse superiore del minore prima di adottare una decisione di rimpatrio, accompagnata da un divieto d’ingresso, anche qualora il destinatario di tale decisione non sia un minore, bensì il padre di quest’ultimo. In tal senso necessita di essere interpretato l’art. 5 della cd. direttiva rimpatri (direttiva 2008/115/CE) in combinato disposto con l’art. 24 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.

Testo integrale della sentenza

La Corte di Appello di Salerno applica il CAF (Common Assessment Framework) alla propria organizzazione come strumento di miglioramento continuo.

La Corte di Appello di Salerno, primo ufficio giudiziario europeo, a seguito della autovalutazione del GAV (Gruppo di autovalutazione) coordinata da Raffaele Mea, ha conseguito la certificazione europea di qualità e la "Label" di Effective Caf User da parte di EIPA (Istituto Europeo della Pubblica Amministrazione), EUPAN (European Public Administration Network) e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica.

BUONE PRASSI
(best practices)

Ufficio del processo e ragionevole durata: la Banca Dati Digitale Conciliativa (BDDC).